A Palazzo Marino insieme alla Garante dei diritti dell’infanzia e adolescenza.

Share

Giovedì 13 ottobre 2016 i nostri compagni hanno tenuto per noi a scuola una “conferenza stampa” relativa all’incontro avuto a Palazzo Marino mercoledì 5 ottobre  con la Garante dei diritti dell’infanzia e adolescenza.

29836458160 80ee049867 z

 

Per prima cosa, ci hanno informato che la Garante è la Sig. Annamaria Caruso ed è stata nominata nel gennaio scorso dall’allora Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, dopo la presentazione del suo curricolo di studi e attività lavorative.
La Garante lavora in un ufficio di via San Tomaso, 3 e il suo staff è composto da altre due persone di sua fiducia. Lavora in stretto contatto con il Sindaco e si occupa principalmente di verificare che i diritti dei minori siano garantiti in ogni situazione.
Ha gentilmente risposto a tutte le loro domande anche di carattere personale come per esempio: da piccola, quale pensava sarebbe stato il suo lavoro; quali studi ha intrapreso; che bambina era; ecc.
Alla domanda: qual è il suo diritto preferito? Lei ha risposto: la LIBERTA’.
La Garante ha programmato come primo obiettivo del suo incarico la visita alle scuole della città; visiterà per primo il nostro Istituto il 21/22 novembre.
Gli alunni delle classi quinte di via Visconti
Per contattare la Garante
E’ possibile contattare Anna Maria Caruso tramite il sito del Comune Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
o mail personale.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Sul territorio italiano sono per il momento quattro i Garanti nominati dai Comuni di: Palermo, Civitavecchia, Caltanissetta e Milano.

Che cosa fa la Garante?
E’ una figura istituzionale molto importante perché:
-    accoglie  segnalazioni in merito alla violazione dei diritti dei minori;
-    segnala  alle Amministrazioni pubbliche situazioni ambientali a rischio dal punto di vista igienico-sanitario;
-    verifica le condizioni dei minori stranieri non accompagnati e gli interventi a loro favore;
-    controlla  l’assistenza prestata ai minori ricoverati in ambienti esterni alla propria famiglia;
-    si occupa anche dei bambini disabili.
Gli alunni delle classi quinte di via Visconti